Partita la 1000 Miglia Experience Uae 2023

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Ha preso il via la seconda edizione della 1000 miglia Experience Uae. Dopo la prima giornata di training sullo spettacolare anello del Meydan Racecourse, in cui il rombo dei cavalli motore dei gioielli a quattro ruote ha preso il posto di royal purosangue a quattro zampe, è partita la gara che vedrà impegnati oltre cento esemplari tra auto storiche e moderne supercar. Fra le vetture storiche spiccano l’Alfa Romeo 6C 1750 GT del 1930, l’Alfa Romeo 6C 1750 GS “Aprile” del 1931, la prestigiosa Bugatti T57 Stelvio del 1939 e due flotte d’oro, quella delle 11 Mercedes 300 SL Ali di Gabbiano e quella delle 5 Ferrari Dino. Fra le moderne invece, impossibile non citare la Bugatti Veryron del 2008 e le 2 McLaren, una 720 S del 2019 e un’Artura del 2023.
 Il sole a picco di giorno e lo spettacolo delle luci nella sera di Dubai che ha concluso le celebrazioni per i primi 52 anni di vita degli Emirati Arabi Uniti hanno accompagnato gli equipaggi nelle sessioni di verifica e messa a punto delle auto, settaggio degli strumenti e ripasso delle regole della regolarità. Da oggi, e per i prossimi quattro giorni, la corsa attraverserà i sette Emirati fino a sconfinare in Oman, territorio di panorami suggestivi e ancora poco esplorati, per concludersi giovedì ad Abu Dhabi con sfilata sul circuito di Yas Marina, recentissima ultima tappa del campionato di Formula 1.
 —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Presto un nuovo progetto potrebbe rivoluzionare il mondo geopolitico
Il rinoceronte lanoso estinto 10mila anni fa
America sconvolta per l'attentato al presidente Trump
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter