Perché tutti sottovalutano la quarta mafia

Un problema gigantesco che trova ancora più forza nella mancata esposizione sui media nazionali

Il 9 agosto del 2017 un fiorino bianco crivellato da colpi d’arma da fuoco giace fuori strada. Lì a fianco, i cadaveri dei due fratelli Luciani, agricoltori di San Marco in Lamis, persone tranquille dedite al lavoro, senza precedenti. L’Italia intera, nel pieno delle ferie agostane, rimane inorridita da quelle immagini sulla provinciale 28. Tragicamente, non è nemmeno la prima volta che notizie del genere scuotono il Paese, proprio dalla provincia di Foggia. Solo pochi giorni prima, nella città di Vieste, la perla del Gargano, Omar Trotta viene ucciso in pieno giorno in una delle vie più frequentate della città. L’allora ministro degli Interni, Marco Minniti, interviene dando un chiaro segnale sul fatto che lo Stato italiano non intenda sottovalutare il fenomeno, istituendo il reparto speciale dei carabinieri dei “cacciatori”.

Nella città è la mafia che comanda, la Società foggiana. Secondo varie ricostruzioni, questa organizzazione criminale ha una data di nascita: 5 gennaio 1979
In Italia i media sottovalutano la quarta mafia – ilMillimetro.it

Già operativo in Calabria, diventa brevemente un fondamentale strumento per combattere la criminalità in Puglia. Operazioni di grande coordinamento delle forze dell’ordine, come ad esempio quella chiamata “Decimazione”, arrivano a un numero di arresti da narco-Stato: trenta nel 2018, tutti legati alle potenti famiglie mafiose che comandano Foggia, cioè Moretti-Pellegrino-Lanza e Sinesi-Francavilla. Clan che a Foggia non vengono mai nominati pubblicamente, neanche al bar, perché i loro occhi e le loro orecchie sono ovunque.

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Transizione ecologica

La strada verso la sostenibilità è ormai tracciata ed è a senso unico: Chiara Di Giorgio approfondisce questo processo globale, finalizzato a ridurre l’impatto ambientale dell’attività umana e a promuovere una maggiore sostenibilità in vari settori, tra cui l’energia, l’industria, l’agricoltura, i trasporti e la gestione dei rifiuti. Alessandro Di Battista parla del complicato rapporto tra Israele e le Nazioni Unite. Direttamente da Tel Aviv, Greta Cristini racconta gli scenari possibili di una guerra che allo stato attuale sembra essere senza una vera e propria strategia. All’interno anche Vita da Cronista, Pop Corn, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le rubriche di Andrea Pamparana, Simone Spoladori, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Il quattordicesimo numero de il Millimetro vi aspetta.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Matteo Mainardi ospite a il Millimetro
Usa, Biden si ritira: sale Kamala Harris
Stop ai telefoni nelle scuole Usa
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter