Raduno sovranisti Firenze al via: “Ue minaccia per l’Europa, lottiamo per patria, famiglia e Dio”

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Al via oggi 3 dicembre a Firenze, presso la Fortezza da Basso, la kermesse dei sovranisti europei organizzata dalla Lega di Matteo Salvini. In sala la colonna sonora è partita con 'il mio canto libero' di Lucio Battisti, brano che rievoca il titolo stesso dell'evento 'Free Europe!', tra le hits, sempre sul tema, 'la Libertà' di Giorgio Gaber. Ad aprire l'incontro il video-messaggio di Marine Le Pen, leader del Rassemblement National. A seguire prenderanno la parola gli altri ospiti stranieri, con delegazioni al tavolo che arrivano da Francia, Bulgaria, Polonia, Romania, Danimarca, Estonia, Repubblica Ceca, Fiandre (Belgio), Austria, Paesi Bassi, Germania e Italia. "La Ue svilisce la nostra storia e le nostre culture, la Ue ci vede come merci e danneggia i nostri popoli", afferma Marine Le Pen, nel videomessaggio inviato a Firenze per la kermesse europea voluta dalla Lega. "Per la signora von Der Leyen l'immigrazione non è un problema, ma un progetto", ha aggiunto.  A farle eco è Kostadin Kostadinov, ospite bulgaro della kermesse. "Oggi la Ue è una minaccia per l'Europa, – afferma – il problema maggiore è la crisi demografica, non esiste stato europeo che non sia toccato. I migranti mettono a repentaglio il futuro dell'Europa, le elite dominanti ci fanno rimpiazzare con i migranti, con gli stranieri. Noi – ha concluso – vogliamo essere padroni e non ospiti nei nostri paesi". "Noi lottiamo per patria, famiglia e Dio, e per la libertà. La sinistra – attacca George Simion, ospite romeno alla kermesse sovranista – vuole cancellare la famiglia naturale, noi siamo per il diritto naturale. Dante ha regalato la Commedia, tante lezioni ancora attuali. L'inferno lo vediamo in Europa, abbiamo i migranti irregolari, perso le fabbriche, perso l'identità nazionale e il declino del cristianesimo. E ci impediscono di usare padre, madre e Natale. Von der Leyen e Timmermans sono pazzi, malati", aggiunge. "Noi ora vogliamo passare al Purgatorio e poi in Paradiso", aggiunge, tornando alla Commedia di Dante, dopo aver 'descritto' la Ue come l'Inferno di oggi.  Anche Andre Ventura di Chega, dal palco leghista di Firenze dice "basta con i burocrati, vogliamo dire noi come vogliamo vivere, dobbiamo costruire un fronte unico in Europa, contate su di noi, la forza di Chega in Portogallo, facciamo vedere a Bruxelles cosa vogliamo".  —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

WikiLeaks, le origini
Salviamo l'orso dall'uomo
La guerra ha preso una piega senza fine
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter