Razzante: “Dare perimetro all’intelligenza artificiale”

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – "I reati informatici non bastano più. Essendo le mafie organizzate ormai da 20 anni a navigare in internet e compiere i loro reati su internet noi abbiamo il problema dell'attribuzione di questi reati al singolo, perché non lo trovi perché spesso è delocalizzato all'estero, per cui abbiamo il problema della punibilità delle piattaforme, degli attori, che sono dietro le piattaforme e dei gestori. Ed è quello di cui ci siamo occupando nel Comitato che disegnerà la strategia italiana, per espressa previsione del premier Meloni, cioè di creare una intelligenza artificiale a servizio anche del contrasto alle mafie". Lo ha detto all'Adnkronos Ranieri Razzante, componente del Comitato per la strategia sull'IA della Presidenza del Consiglio, a margine del convegno su 'Le mafie nell'era digitale' organizzato a Palermo dalla Fondazione Magna Grecia.  "L'intelligenza artificiale potrebbe essere utile come parimenti dannosa – prosegue Razzante – Noi la vogliamo sfruttare in chiave di utilità, evidentemente. I danni che può produrre sono enormi e lo dico da studioso della materia. Quindi, se non si da un perimetro all'Intelligenza artificiale e gliela deve dare l'intelligenza umana, che è superiore all'IA, tende a sfuggire. E quando si sfugge alle regole, le mafie sono pronte". il comitato dovrà presentare i lavori il 31 gennaio del 2024 "e noi stiamo lavorando alacremente e devo dire che i colleghi sono tutti super tecnici, non si poteva scegliere meglio". —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Tante persone ogni anno si incontrano per salvaguardare il territorio
Criminalità e superstizione rendono la vita ancora più complicata
Il prigioniero del secolo, Julian Assange continua la sua battaglia contro i poteri forti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter