Ricerca Schneider Electric: la digitalizzazione crea nuovi lavori di area tecnologica nell’industria

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – •Il 45% delle aziende coinvolte nello studio dichiara che la digitalizzazione stimola l’ingresso di nuovi profili professionali in ambito produttivo è essenziale per creare nuovi posti di lavoro nel settore  •Il 70% ritiene che la digitalizzazione aiuterà ad affrontare la carenza di personale qualificato •La sostenibilità entra a far parte delle professionalità di chi opera negli impianti. 
Stezzano (BG), 2 febbraio 2024 – Una ricerca di Schneider Electric, leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione, ha rivelato che quasi la metà delle aziende industriali (il45%) ritiene che nei prossimi tre anni la digitalizzazione sarà lo stimolo principale per la creazione di nuovi profili professionali nell’ambito delle tecnologie operative (OT).  La ricerca, commissionata da Schneider e realizzata dal leader globale nel settore della ricerca Omdia, ha coinvolto 407 aziende industriali di piccole, medie e grandi dimensioni in paesi dell’Europa Occidentale come Italia, Francia, Spagna, Danimarca, Svezia e UK, in USA, in Cina, in India e nel Sud Est Asiatico (Vietnam, Thailandia e Filippine).  Lo studio ha messo in evidenza la portata globale della “crisi dei talenti” in ambito industriale: trovare le professionalità richieste è una sfida rilevante per oltre la metà degli interpellati (52%). Allo stesso tempo, la ricerca ha identificato anche la cura per questo problema. Il 70% del campione, infatti, ritiene che la digitalizzazione – oltre a creare posti di lavoro – aiuterà ad affrontare la carenza di personale qualificato, in quanto gli strumenti digitali possono rivelarsi utili anche in questo, oltre che per aumentare la produttività e l’efficienza.  Mente la crisi dei talenti impazza, gli ambienti di lavoro industriali stanno cambiando rapidamente. Obiettivi di sostenibilità e tecnologie evolute come l’Intelligenza Artificiale e i digital twin stanno diventando sempre più fattori rilevanti per la forza lavoro.  Inoltre, dalla ricerca emerge che la crescente esigenza di raggiungere obiettivi di sostenibilità sociale e sostenibilità ambientale renderà necessario ampliare le competenze delle figure professionali ad oggi all’opera negli impianti – rispettivamente per il 45% e 47% del campione. “Confrontandoci con clienti e partner vediamo l’importanza di risolvere questa contraddizione e abbiamo un forte impegno, che fa parte dei nostri obiettivi locali di sostenibilità, per formare le nuove generazioni collaborando con il mondo degli ITS per la co-progettazione di percorsi innovativi, con la formazione tecnica nelle scuole superiori e con le università, attraverso protocolli e progetti” ha commentato Claudio Giulianetti, Vice Presidente Industrial Automation di Schneider Electric per l’Italia.
 “Altrettanto importante per noi è mettere a disposizione formazione e expertise non solo ai nostri colleghi ma anche ai nostri clienti, supportati da piattaforme digitali e servizi già disponibili e focalizzati alle esigenze chiave delle imprese; significativo, infine, il suggerimento che emerge dalla ricerca, ovvero di lavorare insieme ai partner dell’ecosistema industriale per affrontare il deficit di competenze tecnologiche, con soluzioni, formazione e strumenti per preparare la forza lavoro alle esigenze del futuro”.  
Il futuro del lavoro nei ruoli operativi
 Secondo i dati dello studio, oltre la metà dei rispondenti (il 52%
)
considera l’acquisizione di talenti e la capacità di trattenerli in azienda un problema, che però si può superare – nel quadro di un certo ottimismo condiviso dalle imprese industriali riguardo al tema della forza lavoro.  Tre su cinque (il 60%) ritengono che i ruoli OT cambieranno nei prossimi tre anni – moderatamente (41%) oppure significativamente (19%). Inoltre una grande maggioranza (73%) ritiene che la digitalizzazione cambierà in modo sostanziale la natura del lavoro, sempre nei prossimi tre anni. Il 31% ritiene che i profili professionali che saranno maggiormente rafforzati o ampliati per causa della digitalizzazione saranno quelli legati al controllo di qualità. Lo studio ha evidenziato che per il prossimo triennio le aziende industriali ritengono che saranno necessarie nuove competenze in aree come la programmazione e l’integrazione robotica – un settore in cui il 49% dei rispondenti dice di non avere competenze, o di non disporne a sufficienza – e in aree come l’elaborazione, visualizzazione e analisi dei dati, nelle quali il 30% non ha o ha insufficienti competenze a disposizione.  In generale, le aziende interpellate affermano di stare dando la priorità agli investimenti nell’area dati; programmazione e integrazione robotica sono indicate come priorità di livello medio da quasi la metà del campione. Stando così le cose, un suggerimento di grande importanza che lo studio fa emergere è quello di lavorare insieme ai partner dell’ecosistema industriale, che possono aiutare ad affrontare il deficit di competenze tecnologiche offrendo soluzioni, formazione ed altri strumenti per preparare la forza lavoro alle esigenze del futuro.  “La trasformazione nella forza lavoro industriale richiede e richiederà sempre più investimenti in digitalizzazione per dare al personale gli strumenti adatti, e per migliorare la produttività e l’efficienza” ha dichiarato Alex West, Senior Principal Analyst, Industrial IoT and Sustainability di Omdia. “Se le aziende non lo fanno, l’impatto nel lungo termine sulla capacità di innovare e sull’incapacità di contenere il problema della carenza di personale qualificato sarà ampio e serio”.  “La digitalizzazione non ha solo vantaggi di produttività ed efficienza. E’ vitale per risolvere alcune delle sfide legate al personale che le industrie stanno affrontando” ha aggiunto Ali Haj Fraj, Senior Vice President, Digital Factory, Industrial Automation di Schneider Electric. “Ottimizzare le figure professionali di area operative e ampliarne le competenze è una vera opportunità per queste aziende. Riducendo il tempo che esse devono dedicare a compiti “amministrativi” e aiutando le persone a esprimere meglio tutto il loro potenziale possiamo risolvere molti dei problemi attuali e aiutare a creare un futuro più sostenibile”.  Il report completo, intitolato The Future of Work in Industry,è disponibile
qui.
 
Schneider Electric
 L'obiettivo di Schneider è consentire a tutti di sfruttare al meglio le energie e risorse a disposizione, coniugando progresso e sostenibilità per tutti. Questo è ciò che chiamiamo Life Is On. La nostra missione è essere il Partner digitale per la sostenibilità e l'efficienza. Guidiamo la trasformazione digitale integrando tecnologie di processo e per la gestione dell’energia, leader a livello mondiale, connettendo dall’end-point al cloud prodotti, controlli, software e servizi, lungo l'intero ciclo di vita, consentendo una gestione integrata di abitazioni, edifici, data center, infrastrutture e industrie. Siamo la più locale delle aziende globali. Sosteniamo standard aperti ed un ecosistema di partner appassionati dei nostri valori condivisi di scopo, inclusività e valorizzazione delle persone. www.se.com/it
 
Prima Pagina Comunicazione
 Caterina Ferrara, Ivonne Carpinelli, Cristiana Stradella  
caterina@primapagina.it; ivonne@primapagina.it; cristiana@primapagina.it
 —immediapresswebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Presto un nuovo progetto potrebbe rivoluzionare il mondo geopolitico
Il rinoceronte lanoso estinto 10mila anni fa
America sconvolta per l'attentato al presidente Trump
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter