Ristoratrice Lodi, Giovanna Pedretti aveva confermato contenuto recensione

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) –  Giovanna Pedretti, la titolare della pizzeria 'Le Vignole' trovata morta domenica sulle rive del Lambro, nel pomeriggio del giorno precedente, sabato 13 gennaio, era stata convocata in caserma dai carabinieri di Sant'Angelo Lodigiano, "come persona informata sui fatti, quale potenziale vittima dell’intera vicenda", ovvero il caso della recensione omofoba e contro i disabili da lei denunciata in un post su Facebook, confermandone il contenuto. Lo chiarisce una nota dei carabinieri di Lodi. I militari di Sant'Angelo Lodigiano – viene spiegato ancora – "ipotizzando il reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa, al fine di informare la procura della Repubblica competente, convocavano in caserma la signora Pedretti con riferimento ad una recensione pubblicata su Google, e poi rimossa, da un anonimo cliente del suo ristorante".  E' stato la mattina successiva a quel colloquio di pochi minuti in caserma, domenica 14 gennaio, che la donna è stata trovata morta, e "dell’intera vicenda veniva informato direttamente il procuratore della Repubblica", riferisce la nota dell'Arma. Sul caso della morte di Giovanna Pedretti, i carabinieri indagano per l’istigazione al suicidio della ristoratrice. Tutto al momento fa pensare che si sia trattato di un gesto estremo, ma la conferma arriverà solo con l’autopsia, attesa – a quanto si apprende – tra oggi e domani. Intanto le indagini proseguono a 360 gradi per comprendere lo stato emotivo della 59enne, prima lodata per la risposta data al cliente che si lamentava di essere stato messo a mangiare accanto a gay e disabili e poi accusata sui social di essersi inventata tutto. Per questo gli investigatori stanno analizzando anche i numerosissimi commenti pubblici lasciati sui social nelle ore precedenti alla morte di Pedretti.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Tante persone ogni anno si incontrano per salvaguardare il territorio
Criminalità e superstizione rendono la vita ancora più complicata
Il prigioniero del secolo, Julian Assange continua la sua battaglia contro i poteri forti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter