Roma, uccise moglie: assolto per “incapacità di intendere e volere”

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) –
Assolto per incapacità di intendere e di volere dovrà trascorrere 15 anni in una Rems . Questa la sentenza, emessa dalla Prima Corte d'Assise di Roma nei confronti del 63enne, giornalista e autore di programmi, che nel maggio del 2021 uccise la moglie in casa, a Roma. La donna fu colpita con un corpo contundente e quando arrivarono i carabinieri in casa, nel quartiere Balduina, trovarono l'uomo sul letto, accanto al cadavere della donna, a leggere un libro.  "Da rappresentante dell'accusa, a fronte di un efferato delitto come questo avrei chiesto il massimo della pena ma in questo caso l'atto è stato commesso in stato di incapacità di intendere e di volere del soggetto come emerso sin dal primo intervento della polizia giudiziaria sul posto e come confermato poi dalle perizie£, ha detto in aula il pm Antonio Verdi. La "totale incapacità di intendere e di volere al momento del fatto” era emersa anche dalla perizia disposta dal tribunale.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Tante persone ogni anno si incontrano per salvaguardare il territorio
Criminalità e superstizione rendono la vita ancora più complicata
Il prigioniero del secolo, Julian Assange continua la sua battaglia contro i poteri forti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter