Russia, che fine ha fatto Navalny?

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Aleksei Navalny non risulta più nell'elenco dei detenuti della colonia penale Ik-6 di Melekhovo, nella regione di Vladimir, in cui fino alla scorsa settimana scontava la sua condanna. E' stato trasferito altrove, ma non si sa ancora dove, anche se le autorità carcerarie non lo hanno ammesso, denunciano gli avvocati che si sono recati personalmente alla colonia penale, e a Ik-7, sempre nella stessa regione, come rende noto la portavoce Kira Yarmish in un tweet. Da sei giorni non si hanno notizie dell'oppositore.  Neanche stamattina Navalny era comparso in video collegamento a una udienza di un ennesimo procedimento a suo carico, aveva reso noto la sua portavoce in esilio Kira Yarmish. E l'ansia per le sue sorti è cresciuta. Sono sei giorni che familiari, avvocati e collaboratori non hanno sue notizie. La dirigenza del carcere ha attribuito la mancata presenza di Navalny all'udienza di oggi a black out in corso dalla scorsa settimana.  "Ci stanno solo prendendo in giro", aveva denunciato Yarmish. Dallo scorso sei dicembre, i suoi avvocati non hanno avuto il permesso di accedere al carcere e incontrare il loro assistito. L'8 uno dei legali è rimasto fuori dal carcere tutto il giorno, ma senza risultati. Due settimane fa, Navalny, che è sopravvissuto a un tentativo di avvelenamento con il Novichok nel 2020, aveva accusato un malore durante una udienza. Si era dovuto sedere per terra.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
Il giornalista di WikiLeaks a processo per l'estradizione negli Stati Uniti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter