Salviamo gli orsi… dall’essere umano

Sempre più casi di avvistamenti in città di questi animali, ma la colpa è sempre da ricondurre verso noi stessi

Non è l’uomo che deve essere salvato dall’orso, è l’orso che deve essere salvato dall’uomo. Si potrebbe prendere in prestito una rivisitata citazione cinematografica di Rambo per dare un’idea di ciò di cui stiamo per parlare. Avvistamenti, notizie di cronaca, interventi politici: sono in grande aumento i riferimenti a questi animali, argomento di discussione sempre più frequente a livello internazionale per via del loro graduale spostamento in prossimità dei centri abitati, con tutti gli effetti che ne conseguono.

Salviamo l'orso dall'uomo
Gli orsi devono essere salvati dall’uomo – ilMillimetro.it

Se ne parla, creano dibattito e confronti. Vengono presi di mira, etichettati come pericolosi e dannosi. E con la solita e tipica tracotanza che ci contraddistingue, addirittura, in certi casi si decide sulla loro vita. Sono poche, però, le prese di coscienza e le assunzioni di responsabilità. Già, perché, se il cambio di stile di vita di questa specie (e di molte altre) sta avvenendo, uno o più motivi ci dovranno pur essere. E sono anche facilmente individuabili e intuibili, a patto però non di voler essere ciechi.

Gli orsi da salvare

Partiamo ad esempio da una semplice constatazione, ossia dal fatto che praticamente la totalità degli scienziati che si occupano di analizzare il cambiamento climatico in corso sono d’accordo sul fatto che l’uomo ne sia il principale motivo. Il surriscaldamento della Terra sta infatti generando condizioni meteorologiche estreme, che portano con maggiore frequenza a lunghi periodi di siccità, inondazioni, incendi, tempeste devastanti e uragani.

Perché è l'uomo il vero problema degli orsi
Il problema degli orsi è l’uomo – ilMillimetro.it

Questi eventi atmosferici anomali, ovviamente, portano a una conseguente alterazione dell’ecosistema, modificando i comportamenti di alcune forme di vita e mettendone a rischio la loro stessa esistenza. In tal senso, l’orso polare è senza dubbio una delle immagini simbolo, una delle specie più a rischio. Sì, perché il riscaldamento climatico globale sta portando anche allo scioglimento dei ghiacciai, provocando per forza di cose un significativo mutamento sui loro comportamenti per procurarsi il cibo e sulla disponibilità dello stesso, mettendone a serio rischio la sopravvivenza.

[PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA QUI SOTTO]

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Il prigioniero del secolo

La libertà di Assange, fondatore di WikiLeaks, è l’unica arma che abbiamo per contrastare chi sta costruendo passo dopo passo la Terza guerra mondiale. Ad affrontare il tema è Alessandro Di Battista, collaboratore de il Millimetro e tra i massimi esperti dell’argomento, oltre a essere protagonista di un fortunato tour teatrale incentrato sul giornalista australiano. Greta Cristini analizza geopoliticamente le origini dell’attentato terroristico islamista in Russia e i possibili scenari. All’interno anche L’angolo del solipsista, Vita da Cronista, Line-up, Pop Corn, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Andrea Pamparana, Alessandro De Dilectis, Simone Spoladori, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Si aggiunge inoltre Tutt’altra politica di Paolo Di Falco. Copertina a cura de “I Buoni Motivi”.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Un racconto comico sul percorso di una banconota
Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter