Sanremo, ira centrodestra per gag John Travolta: “Deplorevole”

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) –
La performance di John Travolta a Sanremo 2024 sulle note del ballo del 'Qua Qua' non è piaciuta alla maggioranza. Tant'è vero che, apprende l'Adnkronos, in ambienti parlamentari del centrodestra si starebbe ragionando sulla possibilità di sollevare il caso in Aula o in Commissione per chiedere conto alla tv di Stato di quanto andato in onda nella seconda serata del Festival della canzone italiana. E' soprattutto dalle parti di Fratelli d'Italia che si registra "fastidio" se non addirittura "sconcerto" per la gag che ha visto protagonista la star di Hollywood insieme ad Amadeus e Fiorello. "Uno spettacolo deplorevole", commentano con l'Adnkronos autorevoli fonti parlamentari di Via della Scrofa.  "Parliamo di un personaggio che poteva avere molte narrazioni e invece è stato retribuito per fare un meme", attaccano le stesse fonti, citando il cachet di 200mila euro riconosciuto da Viale Mazzini al protagonista di 'Pulp Fiction' e de 'La febbre del sabato sera'. Sempre nella maggioranza si parla di una "performance dai tratti opachi dopo il caso Ferragni" e questa volta il riferimento è alle inquadrature sulle scarpe indossate dall'attore, un modello di sneakers: e c'è chi parla apertamente di "pubblicità occulta". "C'è una riflessione da fare: questo è diventato il Festival dei meme, non è più il Festival della canzone italiana. Questa ricerca spasmodica della crossmedialità è diventata stucchevole", chiosano i meloniani. (di Antonio Atte) —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

L'ambiente distrutto dalla zootecnica
L'algoritmo avanza e presto la tecnologia potrebbe entrare nelle battaglie
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter