Spagna, Sanchez confermato premier dopo 4 mesi di stallo politico

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Il leader socialista, Pedro Sanchez, è stato confermato alla guida del governo spagnolo, ponendo fine a quattro mesi di stallo politico a Madrid. Il premier 51enne ha prevalso in Parlamento ottenendo 179 voti favorevoli e 171 contrari. Tutti e sette i deputati appartenenti al partito separatista catalano Junts, che aveva il potere di nominare Sanchez primo ministro o di costringere la Spagna a indire nuove elezioni, hanno votato a suo favore. Lo stesso ha fatto il rappresentante unico della Coalizione delle Canarie, che il mese scorso aveva votato a favore del leader del Partito Popolare, Alberto Nunez Feijoo, nel suo tentativo – poi fallito – di formare un governo. Come previsto, i 171 deputati del partito di Feijoo, del gruppo di estrema destra Vox, nonché dell'Unione navarrese, hanno votato contro il candidato socialista. La vittoria di Sanchez mette fine a un periodo di tensioni politiche iniziato a maggio, quando il leader socialista convocò elezioni anticipate dopo la pesante sconfitta elettorale del Psoe alle amministrative. All'epoca, il leader socialista disse che gli spagnoli dovevano "chiarire quali forze politiche vogliono prendere l'iniziativa" e che era giunto il momento di lasciare che gli elettori "definissero la direzione politica del Paese". Dopo una dura campagna, gli elettori hanno risposto all'appello di Sanchez eleggendo un Parlamento sospeso, in cui sia il blocco politico di sinistra sia quello di destra non hanno raggiunto la maggioranza. Sanchez, tuttavia, ha lavorato per garantirsi l'appoggio dei partiti separatisti, iniziando a negoziare accordi con ciascuno di essi. L'intesa più complessa è stata quella siglato con il partito Junts, guidato dall'ex presidente catalano Carles Puigdemont. Il leader separatista, che vive in esilio autoimposto in Belgio dopo il fallito referendum sull'indipendenza catalana del 2017, ha chiesto un'amnistia per le persone perseguite per azioni legate al movimento. Anche se Sanchez ne ha sostenuto a lungo l'impossibilità perché contraria alla Costituzione spagnola, lunedì il suo partito ha presentato un disegno di legge per concedere un'amnistia per le persone coinvolte nel movimento indipendentista catalano negli ultimi 10 anni. Durante l'acceso dibattito che ha preceduto il voto, il leader del Partito popolare ha accusato Sanchez di "corruzione politica", avendo stretto accordi "contro l'interesse generale" e motivati esclusivamente da "vantaggio personale". Feijoo ha sostenuto che il disegno di legge sull'amnistia rilancerà il movimento indipendentista catalano, minacciando l'integrità della Spagna. "Nessuno ha fatto di più per la causa separatista del signor Sanchez", ha detto. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Mai un rischio di un'escalation nucleare è stato così alto
La guida agli Europei 2024
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter