Strage Erba, si torna in aula il 16 aprile. Il pg: “Revisione inammissibile”

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Un processo con "suggestioni mediatiche" che nell'ultimo atto perde, a sorpresa, i suoi protagonisti: prima che la pubblica accusa torni a elencare le prove granitiche contro di loro, Olindo e Rosa – condannati in via definitiva all'ergastolo per la strage di Erba – si sottraggono alle telecamere. "No" pronuncia lei alla richiesta dei giudici della seconda sezione della corte d'Appello di Brescia, chiamati a decidere sul giudizio di revisione, lui – dopo pochi secondi di indecisione – si associa alla sua volontà, riferisce chi, tra il pubblico, ha l'accesso all'aula vietata ai giornalisti.   Le tre telecamere fisse, con cui in sala stampa si può raccontare il caso, restituiscono un racconto 'invecchiato': era l'11 dicembre 2006 quando, quando sotto i colpi di spranga e coltelli, vengono uccisi Raffaella Castagna (30 anni), il figlio Youssef Marzouk di soli due anni, la nonna materna del piccolo Paola Galli (57). E' la mancina Rosa ad affondare la lama nella gola del bambino. Le fiamme appiccate cancellano le tracce, ma quando gli aggressori si chiudono alle spalle la porta dell'appartamento di Raffaella si trovano di fronte, increduli, i vicini di casa: si salva per una malformazione alla carotide Mario Frigerio brutalmente assalito da Olindo, viene colpita sulle scale e poi nella loro mansarda la moglie Valeria Cherubini (55). Dicono questo le sentenze, conformi, contro i coniugi Romano animati da un profondo odio verso la famiglia Castagna e Azouz, unico tra i parenti delle vittime a essere presente in aula. Posizione anomala la sua: è parte civile, ma crede nell'innocenza della coppia.  L'affondo della pubblica accusa arriva subito: "Siamo di fronte a una manifesta inammissibilità delle richieste di prova" e la parola "inammissibilità" viene scandita a intervalli regoli nel rimpallo degli interventi tra il procuratore generale di Brescia Guido Rispoli e l'avvocato generale dello Stato Domenico Chiaro. Contro gli imputati "c'è un poderoso movente, ci sono le lesioni inferte alle vittime da una mano sinistra meno forte e una destra più forte, i contenuti scritti da Olindo sulla Bibbia, i colloqui psichiatrici" spiega Chiaro. "C'è la mancanza di pentimento, la soddisfazione per quanto fatto. A Olindo scappa la frase 'io non ho avuto nessuna sensazione quando li ho uccisi, è stata una cosa normalissima come quando uno ammazza un coniglio". Accuse scandite mentre la coppia resta seduta in gabbia, uno accanto all'altro, lui più attento e lei con lo sguardo all'insù, in quella 'cella matrimoniale' che non è mai esistita.  "Se veramente si vuole fare chiarezza, bisogna dire che è falso che Mario Frigerio non abbia parlato già il 15 dicembre. Il povero Frigerio l'ha detto subito: 'E' stato Olindo" e "mai furono fatte pressioni" sulla coppia Romano per spingerli a confessare, "e bisogna dirlo a gran voce per difendere l'onore e la reputazione di colleghi che è stata continuamente calpestata" aggiunge l'avvocato generale. Citando 'Il grande bluff’, pellicola francese, si scaglia contro la difesa 'colpevole' di "lanciare solo sospetti", di richiamare testi già sentiti "che hanno già riferito tutto quello che potevano dire", e contro il sostituto pg di Milano Cuno Tarfusser che, con la sua richiesta di revisione, ha creato "un unicum nella storia italiana", ma non era titolato a redigerla o firmarla.  "Pensare che chi ha compiuto la strage di Erba sia scappato dai tetti o dal terrazzino di casa Castagna "è illogico", sostiene il pg Rispoli. "Gli assassini sono mantidi di sangue e sono armati, la corte di via Diaz è già piena di persone": gli abbaini della mansarda di Frigerio sono una tesi "inverosimile" come la terrazza di Raffaella: "Non c'è nulla, non una macchia di sangue. E' un'offesa alla logica pensare che siano passati da qui". Parole accompagnate dalle foto del sangue, lasciato sul pavimento e sulle scale della 'Palazzina del ghiaccio', ma la visione non avrebbe sortito emozioni nei due imputati. Anche la pista 'straniera' viene esclusa. "Si parla di tre extracomunitari, fermi intorno alle 20.20 davanti a via Diaz, ma qualsiasi autore della strage non si sarebbe fermato in strada". Ed è "inverosimile pensare alla criminalità organizzata", a una vendetta nei confronti di Azouz, a un contrasto nel mondo del piccolo spaccio di droga. "Le armi utilizzate, la spranghetta e il coltello, non sono quelli che utilizzerebbe la criminalità" che ha proprie 'regole': "Per quale motivo uccidere donne e bambini? Perché uccidere Frigerio e Cherubini? Ma la logica dove la buttiamo? Azouz dopo la strage dice che era 'il momento migliore della sua vita' e secondo quale logica si può pensare che la criminalità abbia agito e lui non sia terrorizzato?" sono le domande che risuonano in aula in cui, ripetutamente, si dice che la difesa non ha presentato nuove prove.  "Trovo odioso provare a mettere di mezzo la famiglia Castagna, sono parti lese di un crimine orrendo" aggiunge il procuratore generale, mentre da Erba Beppe Castagna rimarca, come fatto dai difensori delle parti civili, il rispetto per chi ha perso i suoi cari. "Le parole di Azouz sono offensive per le vittime e per noi che in tutti questi anni abbiamo difeso la verità. Azouz in tutta la sua vita ha sempre e solo lottato per se stesso. Prima ha lasciato sola Raffaella ad affrontare i vicini e a difendere suo figlio, dopo ha lottato per monetizzare al meglio il suo status di vittima".  Bisognerà ancora attendere (16 aprile la prossima udienza con la parola alle difese) per capire se sulla strage di Erba possa davvero arrivare la parola fine.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Un racconto comico sul percorso di una banconota
Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter