Svezia nella Nato, il parlamento della Turchia vota a favore

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Il parlamento della Turchia ha votato a favore dell'adesione della Svezia alla Nato, eliminando così uno degli ostacoli principali per l'ingresso del Paese nordico nell'alleanza militare occidentale. Ora bisognerà comunque aspettare la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale turca con la firma del presidente Recep Tayyip Erdogan perché la decisione sia ufficializzata definitivamente. L'approvazione turca lascia l'Ungheria del premier Orban come unico membro della Nato che deve ancora ratificare l'adesione della Svezia. Tutti i membri della Nato devono dare il via libera all'adesione della Svezia. La minaccia di un'ulteriore aggressione russa alla luce della guerra in Ucraina aveva spinto Svezia e Finlandia a chiedere di entrare nella Nato. La Finlandia ha aderito nell'aprile dello scorso anno, ma la candidatura della Svezia è stata più complicata. Erdogan aveva legato il via libera della Turchia alla consegna da parte degli Stati Uniti di jet da combattimento F-16, tra gli altri. Il Congresso degli Stati Uniti deve ancora approvare la vendita di jet alla Turchia. La Turchia, inoltre, ha ritardato la ratifica per più di un anno a causa del presunto sostegno di Stoccolma a gruppi che Ankara etichetta come "terroristi" – riferendosi principalmente al Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk), che in Turchia è stato bandito. A ottobre, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha chiesto al parlamento di avviare il processo di voto sulla Svezia dopo che quest'ultima aveva inasprito la sua legislazione antiterrorismo.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
Il giornalista di WikiLeaks a processo per l'estradizione negli Stati Uniti
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter