Tra il Met e Rafah

Una parte di mondo sfoggia abiti da sogno in tema fiabe, l’altra vive il peggiore incubo

Le Sleeping Beauties del Met Gala, belle come la pace, pulite come il silenzio, truccate come statue. Per alcuni è Zendaya, per altri è Alaa, una di quelle bimbe con il volto grigio, impolverato, con le labbra che sembrano sorridere. Per alcuni è l’abito bianco indossato da Chloë Sevigny, per altri uno di quei lenzuoli bianchi, e quelle in basso non sono rose rosse ma il sangue che non si è contenuto. Wake up, sleeping beauty, wake up. Per alcuni è Rosalía in Dior, per altri è la zia di Aisel che corre senza scarpe e senza meta, come una scheggia impazzita. Più veloce di quelle che le volano intorno fatte di pezzi di tutto ciò che è appena scoppiato qualche tenda più in là. Wake up, sleeping beauty, wake up. È Taylor Russell quella lì? È una foto di Vogue o di Abdallah Alattar? Sarebbe meglio addormentarci tutti anche noi, facciamo che nessun principe venga a svegliarci.

Sfilano le celebrità a New York mentre a Rafah si muore di guerra
Zendaya al Metropolitan Museum of Art – (foto LaPresse) ilMillimetro.it

Non conviene essere insonni in un mondo di addormentati. Meglio chiudere gli occhi. Ma non si può trasformare il visto in non visto. O c’è chi può? E se sì, come si fa?  Come si fa a non vedere sangue nelle rose, fiori di papaveri schiacciati nei ricami delle gonne gonfie, a non vedere un lenzuolo con un laccio in un abito bianco di merletto, come si fa a non vedere un sacco chiuso in un abito metallico di Balenciaga, a non pensare alla sabbia uscita fuori da sotto l’asfalto nel vedere Tyla e il suo abito di Balmain? È più normale chi impazzisce di impotenza o chi non si lascia scalfire? Wake up, sleeping beauty, perché se tu ti svegli, lasci un po’ di sonno a chi sono sette mesi che non riesce a vedere il buio. A chi ci prova a fare pace col silenzio, ma non ci riesce.

Per acquistare l'ultimo numero della nostra rivista clicca qui:

Nativi indesiderati

Nell’ultimo decennio il Venezuela ha vissuto una metamorfosi sostanziale: nel mezzo le vite di chi fugge, chi torna e chi non se n’è mai andato. Ad affrontare il tema è Martina Martelloni, collaboratrice de il Millimetro, che direttamente sul posto ha raccontato la situazione degli indigeni, anche attraverso un eccezionale reportage fotografico. Alessandro Di Battista analizza le contraddizioni del “libero e democratico” Occidente nel rapportarsi con le operazioni militari di Israele, le sanzioni che colpiscono solo la Russia e le solite immagini che i TG nazionali nascondono. All’interno L’angolo del solipsista, Tutt’altra politica, Line-up, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Paolo Di Falco, Alessandro De Dilectis, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Si aggiunge inoltre Ultima fila di Marta Zelioli. Copertina a cura de “I Buoni Motivi”.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Un racconto comico sul percorso di una banconota
Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter