Ucraina, missili russi distruggono hotel a Kharkiv

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Due missili russi hanno colpito oggi un hotel nella seconda città più grande dell'Ucraina, Kharkiv, ferendo 11 persone. Lo ha riferito, secondo le ultime notizie di oggi 11 gennaio 2024, il governatore Oleh Synehubov, aggiungendo che tra i feriti ci sono giornalisti turchi. Due missili S-300 hanno colpito l'edificio intorno alle 22,30. Nelle ultime due settimane la Russia ha intensificato gli attacchi aerei sulle città ucraine, causando decine di civili morti nei raid condotti con droni e missili. Kharkiv, a soli 30 km dal confine russo, ha subito ingenti danni a causa degli attacchi aerei russi da quando il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022. Nell'ultimo raid, nove feriti sono stati portati in ospedale, tra cui un uomo di 35 anni in gravi condizioni, ha detto il governatore su Telegram. Il sindaco della città, Ihor Terekhov, citato dall'agenzia di stampa ucraina Unian, ha riferito che "non c'erano militari" nell'hotel in quel momento, ma c'erano 30 civili. Ha detto che anche diverse case e automobili nelle vicinanze sono state danneggiate.  
Il governo finlandese ha deciso di mantenere chiusi i valichi di frontiera con la Russia per un altro mese. Lo ha dichiarato il ministro finlandese dell'Agricoltura e delle Foreste Sari Essayah, candidato alla presidenza della Finlandia, in un'intervista al canale televisivo Yle. Nel novembre 2023, la Finlandia ha chiuso tutti gli otto valichi autostradali sul confine orientale, affermando che la decisione era motivata dalla presunta campagna della Russia per consentire ai migranti provenienti da paesi terzi di raggiungere il confine finlandese. Due valichi sono stati aperti il 12 dicembre per poi essere chiusi nuovamente il 14 dicembre per un periodo di un mese "per motivi di sicurezza", secondo la parte finlandese. Il 9 gennaio, il primo ministro finlandese Petteri Orpo ha dichiarato che Helsinki non avrebbe riaperto i valichi di frontiera dopo il 14 gennaio. Anche il governo avrebbe dovuto prendere una decisione in merito l'11 gennaio.  Secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, la decisione della Finlandia di chiudere i valichi di frontiera sta creando nuove linee di divisione in Europa e che Mosca risponderà a queste azioni.  
La Russia è diventata la prima economia europea e la quinta al mondo in termini di parità di potere d'acquisto. Lo ha affermato il presidente Vladimir Putin in un incontro con gli imprenditori dell'estremo oriente russo. "Sembra che veniamo strangolati e sotto pressione da ogni parte, ma siamo comunque la più grande economia d'Europa – ha aggiunto Putin – Ci siamo lasciati alle spalle la Germania e siamo saliti al quinto posto nel mondo in termini di Pil a parità di potere d'acquisto, dopo Cina, Stati Uniti, India e Giappone. Siamo i numeri uno in Europa". "Abbiamo lasciato indietro tutta l'Europa in termini di parità di potere d'acquisto, ma per quanto riguarda l'indicatore pro capite dobbiamo lavorare di più. C'è ancora del lavoro da fare", ha aggiunto il capo dello Stato.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Tante persone ogni anno si incontrano per salvaguardare il territorio
Criminalità e superstizione rendono la vita ancora più complicata
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter