Ungheria, chiesti 11 anni di carcere per Ilaria Salis: in aula con manette a mani e piedi

Picture of ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – La procura di Budapest ha chiesto undici anni di carcere per Ilaria Salis, la 39enne insegnante italiana, militante antifascista, in carcere in Ungheria dal febbraio dello scorso anno accusata di aggressione per aver partecipato a scontri con neonazisti europei. Lo riferisce il sito del giornale ungherese Magyar Nemzet. L'insegnante brianzola è entrata in aula con mani e piedi ammanettati. "Chiediamo al governo ungherese di vigilare e di intervenire affinché vengano rispettati i diritti, previsti dalle normative comunitarie, della cittadina italiana Ilaria Salis detenuta in attesa di giudizio", ha scritto intanto sul social X il ministro degli Esteri, Antonio Tajani. Sul caso dell'insegnante, "la Commissione Europea è sempre disponibile per aiutare, nel quadro dei contatti che l'Italia potrebbe prendere con l'Ungheria", ha sottolineato il commissario europeo alla Giustizia Didier Reynders, rispondendo ad una domanda in merito in conferenza stampa a Bruxelles. Reynders ha premesso di non conoscere i dettagli del caso Salis.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Oppenheimer in Giappone ha fatto discutere
L'incredibile storia della guerra degli emù
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter