Venezuela, nel buio della crisi

Nell’ultimo decennio una metamorfosi sostanziale: nel mezzo le vite di chi fugge, chi torna e chi non se n’è mai andato

Il tempo è in grado di mutare e, a volte, anche di trasformare l’assetto di un Paese così come lo conosciamo nel presente. Chi più, chi meno, tutti gli Stati del mondo subiscono e riflettono quelli che nella storia si definiscono come corsi e ricorsi. Alcuni Paesi, però, cambiano più di altri. Il Venezuela è uno di questi. Paese dell’America latina – costa settentrionale del Sud del continente –, è una Repubblica federale che conta quasi 29 milioni di abitanti.

Per i giovani indigeni l'istruzione è fondamentale
La scuola della comunità indigena di San Pablo – (foto Martina Martelloni) ilMillimetro.it

Nell’ultimo decennio ha subìto una metamorfosi sostanziale: da importante esportatore di petrolio nel mondo, dalle complicate relazioni internazionali e dal controverso ruolo geopolitico, sta vivendo oggi una delle più gravi crisi economiche, politiche e sociali della sua storia. Le conseguenze di questo radicale passaggio sono evidenti sulle vite delle persone, segnate dagli effetti dell’instabilità e insicurezza che per molti si è tradotta in una fuga necessaria dal Paese.

I numeri della diaspora migratoria

Quella di oggi è, per il Venezuela, una sfida umanitaria senza precedenti, poiché la diaspora di rifugiati e migranti ha assunto le dimensioni della più grande crisi di sfollamento al mondo, con un allarmante numero di oltre 7,7 milioni di persone che hanno lasciato il territorio.

Da sempre il problema legato all'economia ha complicato i piani del Paese
La comunità è composta da oltre 20 tribù diverse – (foto Martina Martelloni) ilMillimetro.it

L’inizio della crisi risale al 2013, quando il PIL ha subìto una contrazione drastica, dando il via a uno dei più gravi crolli economici per un Paese non in conflitto in quasi mezzo secolo. La narrazione mediatica e le considerazioni della comunità internazionale hanno troppo spesso raccontato di questa come una crisi dal peso regionale e non globale.

Per leggere l’articolo completo, acquista la rivista in formato cartaceo o in versione PDF:

Nativi indesiderati

Nell’ultimo decennio il Venezuela ha vissuto una metamorfosi sostanziale: nel mezzo le vite di chi fugge, chi torna e chi non se n’è mai andato. Ad affrontare il tema è Martina Martelloni, collaboratrice de il Millimetro, che direttamente sul posto ha raccontato la situazione degli indigeni, anche attraverso un eccezionale reportage fotografico. Alessandro Di Battista analizza le contraddizioni del “libero e democratico” Occidente nel rapportarsi con le operazioni militari di Israele, le sanzioni che colpiscono solo la Russia e le solite immagini che i TG nazionali nascondono. All’interno L’angolo del solipsista, Tutt’altra politica, Line-up, Un Podcast per capello e Nel mondo dei libri, le consuete rubriche di Giacomo Ciarrapico, Paolo Di Falco, Alessandro De Dilectis, Riccardo Cotumaccio e Cesare Paris. Si aggiunge inoltre Ultima fila di Marta Zelioli. Copertina a cura de “I Buoni Motivi”.

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Ultimi articoli

Un racconto comico sul percorso di una banconota
Teorie del complotto su Lady Gaga e Lina Morgana
il Millimetro

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter