Venezuela, vince referendum per annettere parte della Guyana

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – I venezuelani hanno votato a favore dell'annessione della ricca regione di Esequibo, per la quale Caracas è in disputa con la vicina Guyana da decenni. Lo ha ufficializzato il presidente Nicolás Maduro, celebrando il risultato davanti a centinaia di sostenitori in Plaza Bolívar a Caracas. Secondo l'autorità elettorale Cne, circa il 96% degli elettori ha votato a favore della creazione di un nuovo Stato venezuelano chiamato Guyana Esequiba e della concessione della cittadinanza venezuelana alla popolazione locale. L'affluenza alle urne per il referendum è stata di circa il 51%.  "La vittoria nel referendum sull'Esequibo è stata schiacciante, e con essa abbiamo mosso i primi passi per una nuova, potente, tappa storica che rafforza la nostra ambizione di sovranità" sulla regione, ha dichiarato Maduro. "È stato un grande successo per il Venezuela, per la nostra democrazia", raggiunto grazie al "livello molto importante di partecipazione del popolo". “Il sì delle 10.554.320 persone che hanno votato è stato superiore al 95% per tutti i cinque quesiti posti dal referendum”, e ha portato a una vittoria che ha "unito la Patria, senza discriminazioni e senza partitismi", ma anche alla "sconfitta del governo della Guyana e della compagnia americana Exxon Mobil, che sfrutta illegalmente le risorse petrolifere del territorio". Venerdì scorso, la Corte internazionale di giustizia (Cig) aveva ordinato al Venezuela di "astenersi dall'intraprendere qualsiasi azione che modifichi la situazione che attualmente prevale nel territorio oggetto della controversia". Il governo della Guyana aveva descritto il referendum come una "minaccia alla pace e alla sicurezza nazionale". L'area di Esequibo, di circa 160.000 chilometri quadrati, costituisce circa due terzi del territorio della Guyana. Secondo i dati ufficiali, tutti e cinque i quesiti del referendum hanno ricevuto una maggioranza compresa tra il 95,4% e il 98,11% dei voti a favore. Tra questi c'era il quesito se il Venezuela dovesse rifiutare la giurisdizione della Cig in materia. Il presidente della Guyana, Irfaan Ali, ha risposto a Maduro in un discorso alla folla al National Stadium di Providence, assicurando che "non si lascerà calpestare" dal Venezuela e che "nessuna propaganda o menzogna metterà paura nel mio cuore o nel cuore dei guyanesi". Ali ha esortato Caracas a "onorare l'ordine della Corte internazionale di giustizia" e a "dimostrare che hanno a cuore la regione, il loro popolo e la pace". A questo proposito, ha sottolineato che hanno il sostegno di "molti partner a livello internazionale, che stanno dalla parte giusta della legge". "Sarò in prima linea in qualsiasi circostanza che richieda la mia leadership per la Guyana e il popolo della Guyana. Non commettete errori", ha affermato. Gli attuali confini del territorio sono stati determinati dal lodo arbitrale di Parigi del 1899. Tuttavia, il Venezuela fa riferimento a un accordo con il Regno Unito del 1966, pochi mesi prima che l'allora colonia della Guyana Britannica diventasse indipendente, che prevedeva un accordo negoziato sui confini definitivi della regione, ma che non si è mai concretizzato. Il conflitto sui confini si è intensificato negli ultimi anni dopo che la Guyana, uno dei Paesi più poveri del Sud America e una delle economie in più rapida crescita al mondo, nel 2015 ha concesso alla compagnia petrolifera statunitense Exxon Mobil una licenza di estrazione nell'area. Le esportazioni sono iniziate nel 2020. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Proteste dei ragazzi in merito al conflitto tra Israele e Palestina
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter