Venticinque anni senza De Andrè, il progetto per ricordarlo

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Fabrizio De Andrè moriva l’11 gennaio 1999. E 25 anni di distanza la fondazione Fabrizio De André Onlus e Sony Music Italia ricordano l’amato cantautore genovese con il progetto 'Way point. Da dove venite… dove andate?', attraverso le sue parole, il suo pensiero, la sua visione e i suoi viaggi presenti e attuali ancora oggi. Il progetto si svilupperà lungo tutto il 2024 con varie iniziative, volte a celebrare e a consegnare alle nuove generazioni l'eredità artistica e culturale di uno degli artisti italiani più seguiti e influenti, sottolineando come la genialità e la profondità delle sue parole e la sua visione unica continuino a ispirare. Tra le principali iniziative, la navigazione completa nella sua discografia che prevede la riedizione durante l’anno di tutti i suoi dischi in studio in ordine cronologico. Gli album saranno ristampati in versione Lp nero 180 gr e Cd, arricchiti da annotazioni autografe di Fabrizio De André, pensieri, riflessioni, commenti, estratti di interviste inerenti alle canzoni e agli album e alcuni documenti inediti conservati al Centro studi De André dell’Università degli Studi di Siena. Queste le ristampe in arrivo nel 2024: Volume 1; Tutti morimmo a stento; Volume 3; La buona novella; Non al denaro non all’amore né al cielo; Storia di un impiegato; Canzoni; Volume 8; Rimini; Fabrizio De André / L’Indiano; Crêuza de mä; Nuvole; Anime Salve; Singoli. I primi 4 dischi saranno disponibili dal 16 febbraio.   E da oggi le Teche Rai pubblicano su RaiPlay l’antologia “De André, il poeta che canta”: un viaggio nella vita e nell’arte del cantautore attraverso preziosi materiali d’archivio. La raccolta include alcune tra le sue più significative partecipazioni televisive degli anni ‘70, ‘80 e ‘90 del secolo scorso: interviste, performance dal vivo e documenti rari per esplorare l’immaginario poetico, musicale e biografico dell’artista. Le riflessioni sulla canzone d’autore e gli aneddoti personali si intrecciano con le esecuzioni di capolavori quali 'La guerra di Piero' e 'Crêuza de mä', scoprendo gli aspetti più intimi e profondi della personalità artistica di De André.  Riproposto anche lo storico collegamento del 1978 con il programma 'L’altra domenica': la troupe Rai incontrò il cantautore nel suo casale di campagna vicino Tempio Pausania, in Sardegna. Fu intervistato con la figlia Luvi in braccio e, dopo un pranzo domenicale tra amici e canzoni sarde, regalò al pubblico in diretta le toccanti interpretazioni in versione acustica di 'Andrea' e 'Rimini', accompagnato alla chitarra dal figlio Cristiano, allora 15enne, e con il controcanto della moglie Dori Ghezzi. A coronare questo spaccato di vita familiare si aggiunse un brindisi a Renzo Arbore.  Altro documento raro e poco visto è la sua partecipazione a 'Mister Fantasy' (1981): nella rubrica di Mario Luzzatto Fegiz, De André racconta le esperienze di vita vissuta che hanno dato origine ad alcuni tra i suoi brani più amati, dall’incontro con la 'graziosa' di Via del Campo al rapimento dell’estate 1979 da cui ebbe origine 'Hotel Supramonte'. All’album 'Crêuza de mä', con i suoi suoni mediterranei di strumenti antichi e lingue lontane, sono dedicati sia la partecipazione con Mauro Pagani a 'Blitz' (1984) che uno Speciale Mixer Musica, pubblicato nella versione integrale comprendente anche le riprese delle interviste: tra 'pittime' e marinai, l’autore racconta la genesi dei brani del disco e offre riflessioni sempre attuali sul passato, sulla poesia, sulla vita.   —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

WikiLeaks, le origini
Salviamo l'orso dall'uomo
La guerra ha preso una piega senza fine
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter