‘W Hitler’ e ‘Fuck Israele’, scritte antisemite sul murale dei Simpson al Memoriale della Shoah

ADNKronos

ADNKronos

(Adnkronos) – Alla vigilia del Giorno della Memoria per le vittime dell'Olocausto, è stato oltraggiato con le scritte 'W Hitler' e 'Fuck Israele' il murale dei Simpson deportati realizzato dallo street artist aleXsandro Palombo al Memoriale della Shoah di Milano. A un anno dalla sua realizzazione, l'opera pop dal titolo 'Binario 21, I Simpson ebrei deportati ad Auschwitz', è stata sfregiata già quattro volte, come ricorda lo stesso Palombo in una nota, dando notizia della nuova vandalizzazione.  L'artista aveva ritratto la famiglia dei S
impson deportata nei campi di concentramento nazisti per raccontare il prima e il dopo la deportazione e l'orrore dell'Olocausto. Un'opera di sensibilizzazione contro l'indifferenza, volta anche ad allertare sul pericolo dell'antisemitismo nella società contemporanea. A soli due mesi dalla sua realizzazione l'opera era stata deturpata con sfregi antisemiti, riapparsi nel periodo successivo, nonostante le ripetute opere di pulizia.  “Non reagire alle ripetute azioni d’odio – avverte aleXandro Palombo – ci porterà a normalizzare il pericolo dell’antisemitismo e a potenziare il male dell’indifferenza che inghiotte tutto e tutti. Chi volta lo sguardo davanti a questi scempi è complice del problema. Gli ultimi sfregi antisemiti e quelli degli scorsi mesi rimarranno come testimonianza e parte integrante dell’opera che tramuterà questo mare d'odio in strumento di sensibilizzazione e consapevolezza contro l'indifferenza e l'antisemitismo".  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Abbonati alla Rivista

il Millimetro

Ricevi ogni mese la rivista con spedizione gratuita, il formato digitale per email e ogni sabato la Newsletter con gli approfondimenti della settimana

Sostieni il Millimetro

Supportaci con una donazione e ricevi la copia digitale de il Millimetro del mese in corso

Ultimi articoli

Proteste dei ragazzi in merito al conflitto tra Israele e Palestina
millimetro.jpg

Newsletter

Approfondimenti, interviste e inchieste direttamente sulla tua email

Newsletter